La grande truffa

Siamo all’inizio di una nuova recessione?

Così si ha detto un giornalista nel corso di un TG della sera di oggi 15 gennaio 2016,  a fronte dell’ennesimo crollo delle borse e dell’ennesimo  calo del prezzo del petrolio.

Questo “genio” dell’economia non si è accorto che siamo già da 25 anni  in recessione? Non si è accorto che con il  crollo del Muro di Berlino è crollato anche un sistema economico mondiale basato solo sui mega-consumi USA e delle nazioni alleate?

Ma queste cose non le dicono, non se ne sente parlare (tranne da parte di qualche sporadico “addetto ai lavori”).

E allora basta, smettiamola di ascoltare questi TG inutili, che dicono banalità, se non peggio. E cerchiamo di far lavorare le notre teste, cercando,  nei meandri del’informazione ma soprattutto nella vita reale, le vere notizie interessanti.

E’ crollato il prezzo del petrolio? Dovremmo essere contenti, noi popolo di produttori industriali e di grandi automobilisti. Invece c’è qualcuno che spera che il prezzo del petrolio torni a 100 dollari al barile!!

La produzione cinese è diminuita? Ma và, che notizia! non me lo sarei mai aspettato! Come fa la Repubblica popolare cinese a mantenere un elevato tasso di crescita dell’economia, come nei trent’anni precedenti, se SONO DIMINUITI I COMPRATORI?

Il Giappone è fermo da 20 anni e compra poco. L’Europa è ferma da 10 anni e compra poco. Gli USA fanno finta di ripartire, ma sono fermi pure loro.  Venezuela, Brasile, Russia sono allo stremo, avendo basato il loro  sviluppo economico su petrolio e gas. La stessa Arabia Saudita, che ha contribuito a far scendere il prezzo del petrolio, deve tagliare i  benefit per i propri cittadini,  a seguito delle minori entrate statali.

Per fare ripartire l’economia, o troviamo un’altra “America” da “scoprire” (ma che non c’è) o dobbiamo dare a tre miliardi di persone un reddito dignitoso. Questi tre miliardi di persone, con i loro “bisogni” primari rimetteranno in moto l’economia per i prossimi 100 anni.

L’alternativa? Guerre e sofferenze,  anche per noi ricchi abitanti del nord del mondo.

 

 

3 thoughts on “La grande truffa

  1. Sono assolutamente d’accordo. Lo dico anch’io da tempo, ma nessuno ascolta. Tutti trovano la proposta del reddito minimo disdicevole ed immorale. Ma se il lavoro non c’è, dove si va a trovare soldi per andare avanti? Con cosa si comprano beni di consumo, anche solo quelli necessari, e con cosa si pagano servizi che… servono?

    • Grazie per il commento.
      Occorrono soluzioni nuove per le sfide che ci attendono. Dobbiamo cambiare stili di vita per rilanciare l’economia mondiale. Noi del nord del mondo dobbiamo consumare di meno per consentire agli abitanti del sud del mondo di crescere economicamente, ma senza inseguire i modelli consumisitici.

      • Marco, dobbiamo insegnare al sud del mondo a consumare e, se è possibile, dovremmo portare noi aiuti ai Paesi meno fortunati di noi per evitare a loro di doversi sobbarcare viaggi costosissimi (per i loro parametri economici) per venire qui da noi. Ma a qualcuno dei nostri l’immigrazione conviene poiché ci specula e ci guadagna vigliaccamente. Buon anno, Marco.

Rispondi a spacevoyager12 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...